skip to Main Content

Arrosto alla bevanda di nocciole


http://@alpro

L’arrosto, bisogna precisare prima di tutto che è un Signor, secondo piatto ricco e sostanzioso, ideale per i pranzi della domenica, così quando si prepara si deve assolutamente fare bella figura. Il timore principale è quello di avere come risultato una bel mattone asciutto e immangiabile.

Per far sì che tutto ciò non avvenga ci sono un po’ di segreti della nonna di cui è saggio farne tesoro.

Non è difficile basta seguire pochi passaggi e vedrete che ne rimarrete piacevolmente sorpresi.

La tipologia di pezzi che acquisterete dal vostro macellaio di fiducia sono più di uno, lasciatevi consigliare, io prediligo (il pezzo della vena) infatti la sua caratteristica è proprio quella di avere una vena che attraversa tutto l’arrosto nel suo centro. Quando andrete a tagliarlo, ormai completamente raffreddato, (altrimenti si potrebbe rovinare) la fetta sarà perfetta da impiattare.

In questo caso ho utilizzato una bevanda alla nocciola, @alpro (se vi piace la nocciola potreste anche utilizzarla tostata e sbriciolata con il mixer), altrimenti se preferite rimanere più sul classico potrete utilizzare il latte intero oppure la panna ( da aggiungere solo negli ultimi 2 minuti di cottura).Se preferite un sapore dolce oppure con una salsa ristretta di vino rosso tipo; Barolo o Nebbiolo, comunque ogni regione ha assolutamente dei vini ideali per questo tipo di preparazioni.

Le erbe come Rosmarino, Alloro e Salvia non devono assolutamente mancare. I chiodi di garofano e la noce moscata possono essere utilizzati a piacere; regalano un retrogusto e un profumo particolare.

Per il soffritto direi che Sedano, carote e cipolla sono la base per qualsiasi carne o sugo, mi raccomando una buona massaia non può non averne a portata di mano.

Così partendo da una base di : SOFFRITTO E ERBE, AGGIUNGIAMO IL RESTO PER PERSONALIZZARE QUESTO ARROSTO.

Ingredienti:

1kg. di arrosto

1 litro di bevanda alla nocciola Alpro ( oppure 200gr di nocciole tostate )

sale

pepe

rosmarino

alloro

(soffritto con : 1 carota. mezza cipolla rossa e 1 costa di sedano.)

 

Porre in un tegame capiente il soffritto e lasciar rosolare per alcuni minuti, solo per soffriggere.

Adagiare l’arrosto con rosmarino e alloro arrotolati su di esso.

Cauterizzare la carne su tutti i lati (far rosolare girandola in modo da fermare le proteine al suo interno); questo passaggio è fondamentale per non perdere l’idratazione della carne ed avere un risultato ottimo.

Cospargere il pezzo di arrosto con la bevanda, fino a coprirlo per i suoi 3/4.

Salare e pepare e coprire con il coperchio .

Lasciare cuocere per circa 1.45- 2 ore.

Controllando ogni tanto che il liquido non si esaurisca. in tal caso aggiungere un pochino di acqua per volta, fino a completa cottura.

Far raffreddare completamente prima di tagliare a fettine molto sottili.

Porre nel piatto alcune fette guarnendo  con la salsa addensata  alla nocciola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *